• Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button

s.n.c. di Valente S. & C.

  • lavorazioni carpenteria Valente
  • insonorizzazione industrale Valente
  • movimentazione macchine industriali
  • natri trasportatori Valente
  • Impianti Elettrici Civili ed Industriali

Consigli per l'isolamento termoacustico di edifici industriali

  • Autore: IOVINO ANGELO
  • 06 nov, 2017
sistema di riscaldamento industriale ben isolato

Al pari degli edifici ad uso civile, anche quelli industriali necessitano di un isolamento termoacustico adeguato, al fine di ridurre la dispersione termica e operare in un contesto che riduca il rumore di macchinari industriali, i quali possono danneggiare in modo permanente l’udito.

Compito dei paragrafi seguenti sarà quindi delineare alcuni piccoli consigli circa l’impiego di materiali idonei a un perfetto isolamento acustico e termico di capannoni e stabilimenti industriali, in modo da risparmiare sensibilmente sui costi energetici e assorbire il più possibile i decibel di troppo.

La caratteristiche di un buon isolante industriale

Per una coibentazione ottimale, l’isolante da utilizzare in un contesto di natura industriale deve garantire specifiche tecniche e prestazioni differenti rispetto all’ambito civile: infatti i parametri di umidità e temperatura sono nettamente differenti, oltre al fatto che vi sono sostanze che possono comprometterne la tenuta.

Per tale ragione, un buon isolante industriale deve possedere resistenza alla corrosione da parte di agenti chimici e una resistenza alle elevate temperature, oltre che a sbalzi termici dovuti al cambio del clima durante l’anno, che in un capannone è molto più amplificato rispetto a una normale abitazione.

Elevata resistenza alle escursioni termiche

In particolare quest’ultimo fenomeno è particolarmente rilevante all’interno degli edifici industriali: infatti se d’estate in un capannone si registrano anche 70 gradi centigradi, d’inverno si registrano temperature molto vicine alla soglia dello zero.

Lo sbalzo termico influisce sulla caratteristica dell’isolante, il quale deve possedere un ottimo calore specifico e una densità elevata, allo scopo di resistere alle ondate di calore estive, mentre al contempo deve garantire una minima dispersione di calore durante la stagione invernale. La lana di roccia ad alta densità è un esempio di isolante con tali caratteristiche, che è disponibile in pannelli preformati di diversa metratura.

Come ridurre il rumore all'interno di un capannone

Per quanto riguarda invece l’isolamento acustico dei capannoni industriali, le norme di sicurezza sul lavoro impongono decibel precisi nei contesti di lavoro, il che significa adottare soluzioni in piena ottemperanza della Legge 447/1995 sull'inquinamento acustico e del DPCM datato 5 dicembre 1997.

Stando a tali normative, in un contesto di lavoro devono esserci soglie massime di decibel che variano a seconda delle caratteristiche dell’attività industriale, e che devono essere ridotte necessariamente per un maggiore rispetto dell’ambiente e della collettività.

Materiali fonoassorbenti e fonoisolanti

Le onde sonore possono essere assorbite da materiali in grado di riconvertire in calore l’onda sonora, coniugando anche un aspetto di natura termica. Tali materiali vengono detti appunto fonoassorbenti, e i più diffusi sono la lana di vetro e quella di roccia, oltre che il gesso, disponibile in pareti di metrature differenti.

In commercio esistono tuttavia anche materiali fonoisolanti, ossia in grado di riflettere l’onda sonora, come il piombo o la gomma.

Questo tipo di materiale è tuttavia differente dalla lana di vetro o di roccia, in quanto non ha di per sé il potere di assorbire rumore, ma soltanto di rifletterlo; perciò è preferibile utilizzarlo in combinazione ai materassini di lana di vetro o di roccia.
Autore: IOVINO ANGELO 06 nov, 2017

Negli ultimi tempi gli impianti elettrici industriali hanno subito un’evoluzione tecnologica tesa a ridurre costi e sprechi di energia, oltre che a interagire con l’utente in modo semplice e differente, mediante sistemi intelligenti di gestione manovrabili mediante smartphone, tablet e PC.

La programmabilità e la semplicità d’interfaccia, unita all’impiego di risorse innovative e rinnovabili, costituisce dunque la nuova frontiera nell’ambito dell’impiantistica industriale.

Ma vediamo nel concreto alcune tipologie di soluzioni innovative da impiegare nella realizzazione di impianti elettrici a carattere industriale.
Autore: IOVINO ANGELO 06 nov, 2017

Al pari degli edifici ad uso civile, anche quelli industriali necessitano di un isolamento termoacustico adeguato, al fine di ridurre la dispersione termica e operare in un contesto che riduca il rumore di macchinari industriali, i quali possono danneggiare in modo permanente l’udito.

Compito dei paragrafi seguenti sarà quindi delineare alcuni piccoli consigli circa l’impiego di materiali idonei a un perfetto isolamento acustico e termico di capannoni e stabilimenti industriali, in modo da risparmiare sensibilmente sui costi energetici e assorbire il più possibile i decibel di troppo.
Autore: IOVINO ANGELO 13 ott, 2017

La progettazione è una fase che coinvolge numerosi ambiti produttivi: dall’architettura all’edilizia, passando per la meccanica di precisione e il settore del design in generale.

Oggi più che mai le nuove tecnologie hanno cambiato il modo di progettare prodotti e strutture, soprattutto grazie all’impiego dei programmi computerizzati di elaborazione grafica, meglio conosciuti come CAD, acronimo inglese di Computer-Aided Design , ossia progettazione assistita da un calcolatore elettronico.

Nei paragrafi che seguono cercheremo di capire come funziona un software di progettazione assistita di tal genere e i vantaggi offerti dall’uso quotidiano di questo tipo di tecnologia.

Autore: IOVINO ANGELO 13 ott, 2017

La Comunità Europea ha stabilito un elenco di norme atte a mantenere all’interno degli ambienti di lavoro la sicurezza dei lavoratori, che prevedono rigide procedure da rispettare dal punto di vista della struttura dei locali, dei dispositivi che i lavoratori devono indossare durante l’orario di lavoro, ma soprattutto dal punto di vista dei macchinari meccanici.

In particolare, questi ultimi devono essere in linea con parametri di sicurezza precisi, di cui ci occuperemo in questa sede in maniera più approfondita.
Autore: IOVINO ANGELO 21 lug, 2017
Stando a quanto è scritto all’interno della Legge di Bilancio 2017, è stata concessa una proroga per il super-ammortamento, già introdotto nella Legge di Stabilità 2016, ossia la possibilità da parte di aziende e imprese di scaricare le spese per l'acquisto di beni o macchinari della loro attività produttiva. 

La proroga conferma l'innalzamento, già definito nel 2016, del 40% per la soglia di tale aliquota, mantenendola ad un tetto massimo complessivo del 140% di ammortamento sull’importo di spesa totale.

In aggiunta, la Legge di Stabilità 2017 ha introdotto l’iper-ammortamento, vale a dire una maggiorazione del 150% del costo di acquisizione di determinati beni ai fini della deduzione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria.

Ma andiamo a conoscere nel dettaglio chi ha diritto a tali sgravi fiscali e in che cosa si differenziano queste due tipologie di ammortamenti alle imprese.

Autore: IOVINO ANGELO 18 mag, 2017
In questi ultimi tempi sentiamo spesso parlare di industria 4.0 e di digitalizzazione dei reparti dell’industria manifatturiera, e in particolar modo di quella metalmeccanica. Ma quali vantaggi derivano dall’innovazione tecnologica del terzo millennio applicata alla vecchia concezione industriale? Scopriamolo con pochi e semplici esempi.
Share by: